Le limitazioni alla spesa di personale, al trattamento accessorio, le difficoltà finanziarie degli enti di minori dimensioni demografiche (con particolare riferimento a quelli di classe IV), impongono l’adozione di una o più misure coordinate per garantire l’immediata presa in servizio dei segretari vincitori di concorso. Le azioni che possono ipotizzarsi, da applicare anche in forma congiunta, sono le seguenti: 

  • un innalzamento della fascia demografica d’accesso alla carriera ad almeno 5000 abitanti, salvaguardando i valori della retribuzione di posizione attualmente previsti;
  • forme di esclusione o di diverso computo della spesa del Segretario dal calcolo dei limiti di spesa relativi al personale, ovvero, in via temporanea, prevedere forme di sostegno, a carico del bilancio dello Stato, relativamente alle spese che i piccoli comuni affrontano per i Segretari Comunali.

Inoltre, poiché nel corso del mandato verranno immessi in ruolo molti Segretari (al momento sono state autorizzate 808 assunzioni), intendiamo costituire un’apposita unità funzionale, presieduta da un membro della Segreteria Nazionale, che garantirà il raccordo delle esigenze e delle istanze dei nuovi colleghi con i vertici dell’Unione.